Marco e Caroline, titolari di California Bakery

Obiettivo felicità: le anticipazioni sul futuro del gruppo California Bakery

25 dicembre 2011 In store

Quest’anno abbiamo lavorato tutti tanto, tantissimo. A volte, insieme a mio marito Marco, ci siamo chiesti se ce l’avremmo fatta, visti i grossi obiettivi che c’eravamo posti; il più alto, fra tutti, quello di dare una struttura più solida all’azienda nella sua consapevole ma ambiziosa crescita, tenendo saldi i nostri valori: alta qualità del prodotto, valorizzazione e rispetto delle singole risorse umane, passione, serietà, tutela dell’ambiente.

La famiglia si è allargata. Tre nuove aperture California Bakery sono previste nel corso del 2012 e le premesse perché questo potesse avvenire sono state poste durante questi mesi, con un percorso di ottimizzazione dei processi produttivi e di razionalizzazione dell’intera macchina aziendale. Abbiamo appena aperto un laboratorio centrale con l’obiettivo di facilitare il lavoro nelle cucine degli store, garantendo più spazi di lavoro, nuove tecnologie di cura dei prodotti e processi virtuosi nell’ottica di una espansione sana e coerente con le nostre attività.

Corso Como sarà la prima delle nuove aperture, entro marzo. California Bakery occuperà la sede di una ex legatoria (i lavori sono già in fase avanzata): non vediamo l’ora di mostrarvela. Poi California Bakery arriverà anche in zona Garibaldi e nella vivacissima via Tortona. Dato il grande successo dei laboratori Showcooking stiamo meditando, con la responsabile Michela, di strutturare l’attività dei corsi di cucina come una vera e propria scuola, e dunque stiamo ipotizzando di aprire una sede anche per questo. Ma siamo scaramantici, non diciamo nulla di più!

La sezione Banqueting&Events, dati gli ottimi risultati, sta per essere potenziata notevolmente e la squadra è già al lavoro per sorprendere i clienti con idee di banchetti molto particolari. Una sola anticipazione: il “Wedding Pic-nic Party”. Anche il servizio Moving Bakery, con le nostre Apecar, sta spiccando il volo: nella prima parte dell’anno una California Bee rimarrà, fissa, in zona Bicocca, a pochi passi dall’università, e saremo presenti anche ad alcuni importanti festival. Seguiteci su Twitter per conoscerne gli spostamenti in tempo reale.

Il progetto più divertente dell’anno che si chiude, forse, è stata la nascita di The Bagel Factory. Abbiamo speso qualche mese a perfezionare la ricetta dei bagel, che ora sono buonissimi e autentici, preparati con la stessa procedura di quelli che si mangiano a New York (e per questo dobbiamo ringraziare l’amico americano Sergio e i suoi consigli esperti) e farciti con ingredienti di prima qualità. Nel 2012 ci saranno tre nuove sedi milanesi anche per The Bagel Factory. La prima in corso di Porta Vittoria, a pochi passi dal Tribunale di Milano. Per ora vi lascio indovinare le altre.

A tutti i nostri ragazzi, che sono la vera straordinaria forza del gruppo California Bakery, daremo quest’anno la possibilità di avere uno sportello d’ascolto interno settimanale. Al momento oltre 130 persone sono con noi e con il 2012 arriveremo a 160 (a proposito: se volete proporvi mandateci un CV a questo indirizzo). Molti dei nostri dipendenti sono stranieri e vogliamo rendere, soprattutto per loro, più agevole il lavoro svolto con noi. Vogliamo che ogni persona si senta parte attiva del progetto, qualsiasi sia la sua religione, la sua cultura, la sua diversità. E questa è una convinzione mia e di mio marito Marco, non una battuta di sapore natalizio. Essere imprenditori, secondo noi, vuol dire soprattutto questo.

Credo che più un’azienda – che è fatta di persone – è attiva, più è consapevole di non poter fermare la sua corsa nel dare il suo contributo alla comunità che attorno a essa vive. Ogni giorno Marco e io facciamo il punto su quale direzione vogliamo intraprendere, per accorgerci che la sua direzione è quella del nostro stesso futuro e di tutte le persone che gravitano intorno a noi. La responsabilità è tantissima – qualche notte a occhi spalancati l’abbiamo passata anche noi, il periodo è complesso – ma la meraviglia nello scoprire che ogni giorno ci miglioriamo e con noi lo fa tutta la nostra collettività, altrettanta. Insieme ai nostri ragazzi impariamo ad imparare, a sfidarci per giungere a una più profonda felicità, capendo che, se siamo felici, siamo più attenti e sensibili verso gli altri, i clienti, i collaboratori, noi stessi, i nostri meravigliosi figli.

La felicità è per noi un obiettivo sociale ed è con questo messaggio che vi auguro buonissime feste e un anno nuovo prospero di felicità profonda. Grazie a voi.

Caroline e Marco

22 Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*