Simone Gotelli, lo store manager di Viale Premuda e il barman dei concerti California Bakery

Il miglior barista dell’anno. Votate il nostro Simone

19 gennaio 2012 In store

Quando abbiamo letto il tema del concorso lanciato da ViviMilano – Corriere della Sera, “Vota il barista”, ci siamo ritrovati nella descrizione del candidato ideale:

Vi saluta con un sorriso tutte le mattine? Sa come volete il caffè? Avete imparato a conoscerlo, ed è diventato per voi un confidente, un compagno di chiacchiere? Allora è il barista ideale“.

L’attenzione del nostro personale per ognuno dei clienti è uno dei valori su cui si fonda l’identità di California Bakery: vogliamo farvi sentire a casa quando venite nei nostri locali e chi lavora con noi ha un ruolo cruciale nel costruire questa atmosfera. E Simone, store manager del California Bakery di Viale Premuda e barman nei nostri giovedì musicali in via Larga, è un interprete perfetto di questi valori,  amatissimo dai clienti proprio perché riassume in sé tutte queste qualità: esperienza, cortesia, disponibilità e discrezione.

Per molti è il barista dell’anno: avete voglia anche voi di votarlo e sostenerlo in questa avventura?

Potete farlo cliccando su http://milano.corriere.it/votailbarista, inserendo il suo nome e cognome.

Simone Gotelli, che oggi ha 31 anni, ha iniziato a lavorare in un piccolo bar della riviera Ligure 12 anni fa, appassionandosi da subito al contatto con i clienti e alla professione di barista. Ha così deciso di seguire dei corsi professionali di preparazione non solo al lavoro di barman, ma più in generale alla gestione dei locali, che gli hanno consentito, uniti alla sua voglia di crescere, di conquistare posizioni sempre più prestigiose. Cinque anni fa l’arrivo a Milano e le prime esperienze in alcuni locali alla moda. Poi, un anno fa, l’incontro con California Bakery. C’è stata subito una sintonia immediata.

“Lavorare per California Bakery  – dice Simone – mi realizza e mi piace moltissimo, perchè in un locale come questo si possono fare felici le persone. Cerco di far sentire ognuno dei nostri clienti speciale e a proprio agio. Come se fosse a casa. Per me è importante che chi entra da California Bakery si senta sempre il benvenuto: è questo il senso di chi sceglie un lavoro come il mio”.

2 Commenti

  1. Giuseppe Tasso scrive:

    Al California Bakery trovi cordialità, simpatia e soprattutto un sacco di cose buone ed originali

    22 gennaio 2012 / ore 09:49
  2. Pingback: “Un posto dove la musica respira libera”. Giovedì (grasso) il concerto gipsy jazz di Gregolin Made with love – Il blog di California Bakery

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*