Showcooking St. Louis

Tra i banchi di scuola in California Bakery, per imparare i dolci americani

21 dicembre 2012 Cooking Lab

Una decina di ragazzi tra i 14 e i 16 anni, le ricette della tradizione USA, l’energia e l’entusiasmo delle insegnanti – Liliana Mondardini e Francesca Cassis - e dei giovani allievi: sono questi gli ingredienti che danno vita al progetto realizzato da California Bakery in collaborazione con la scuola St. Louis.

Insieme all’istituto e alla nostra Showcooking School, abbiamo sviluppato un programma di laboratori di cucina dedicati agli studenti della scuola inglese di Milano, che diviene parte integrante del loro percorso formativo. Nelle scuole anglosassoni, infatti, il diploma comprende anche una serie di attività extra scolastiche, tra cui pratiche artistiche e creative.

E dato che creatività e cucina sono indivisibili, abbiamo deciso di dare a questi ragazzi l’opportunità di misurarsi con le ricette dei dolci americani più amati: Brownies, Muffin, Gingerbread Men, Cookies, e, naturalmente, N.Y. Cheesecake. Un progetto che permette di scoprire e apprezzare il lavoro delle proprie mani, fatto con cura e dedizione.

Abbiamo assistito, nello store di via Tortona, alla lezione dedicata ai Blueberry Muffin. Sei ragazzi e ragazze, con grembiule e cappello d’ordinanza, hanno seguito passo dopo passo le istruzioni precise della maestra Liliana, che li ha guidati fino al risultato finale.

Nessun particolare è da tralasciare: la scelta degli attrezzi giusti, il posizionamento dei pirottini negli stampi, i movimenti mai lasciati al caso.
Si impara ad essere meticolosi e creativi al tempo stesso. A tenere in ordine il proprio spazio. E a rispettare gli spazi degli altri.

Il profumo delle bacche di vaniglia, della scorza di limone, del burro freschissimo accompagnano il lavoro: anche imparare a conoscere gli ingredienti è fondamentale, e Liliana è prodiga di informazioni e consigli che stimolano la curiosità e le domande degli studenti.

E poi ci sono le battute, gli scherzi e un po’ di imbarazzo nel posare per la foto di gruppo, con il cappello, proprio un attimo prima di fare merenda e assaggiare il risultato di un pomeriggio di lavoro.

Perché in cucina, soprattutto, bisogna imparare a divertirsi.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*